Andrea.vitulano[at]gmail.com

T. - +39 393 2624411

Rome

GAMBE PESANTI E GONFIE: ECCO 10 CONSIGLI PER GAMBE PIU’ IN SALUTE

November 1, 2018

 

 

Molte persone, in particolare modo le donne e nel periodo estivo ma anche durante il resto dell’anno sono soggette a disturbi circolatori dovuti all’insufficienza venosa e alla fragilità capillare, manifestando fastidi quali gambe pesanti, caviglie e piedi gonfi, formicolii, prurito.

Tali condizioni si manifestano sopratutto al termine di una giornata impegnativa, lavorativa o quando siamo stati troppe ore seduti o in piedi, determinando un ristagno di sangue nelle vene o liquidi nei vasi linfatici. 

 

Diverse sono le ragioni che determinano le gambe pesanti, una ad esempio la variazione ormonale.

Le donne in uno stato di gravidanza sono più toccate, causa anche il peso in aumento con la pressione esercitata dal bambino e l’insufficienza venosa, uno tra i disturbi presenti nella gravidanza. 

 

Con qualche piccolo accorgimento, uno stile di vita più sano, un’alimentazione equilibrata e movimento i fastidi posso essere alleviati. 

 

ECCO 10 SEMPLICI ACCORGIMENTI PER GAMBE IN SALUTE PIÙ LEGGERE:

 

1. ATTIVITÀ FISICA

 

Per una buona circolazione sanguigna è importante praticare attività fisica due o tre volte alla settimana e variare il tipo di allenamento. Indicati sono il jogging, la bicicletta, il trekking che tonificano i muscoli delle gambe e in particolare modo il nuoto che grazie al massaggio naturale dell’acqua migliora la circolazione. 

Camminare almeno 30 minuti al giorno e se effettuiamo brevi spostamenti è importante farlo a piedi evitando la macchina, camminare favorisce il mantenimento di un buon ritorno venoso poiché si attiva la pompa muscolare che spinge il sangue verso il cuore. 

 

2. CAMBIARE POSIZIONE 

 

Quando svolgiamo un’attività che ci costringe per molto tempo a stare in piedi o fermi è consigliabile far lavorare le caviglie sollevandosi sulle punte ogni ora per circa due minuti. Quando restiamo invece per molto tempo seduti occorrerebbe utilizzare una pedana poggiapiedi, evitare di accavallare le gambe, fare una passeggiata per riattivare la circolazione e per almeno tre volte al giorno per un tempo di circa un quarto d’ora sollevare le gambe. 

 

3. MANGIARE SANO PERDENDO I KG IN ECCESSO

Le persone in sovrappeso sono maggiormente soggette allo schiacciamento dei vasi sanguigni soffrendo più frequentemente di insufficienza venosa. Si consiglia dunque di perdere peso adottando un’alimentazione corretta, aiuto fondamentale per la salute delle vene.

Consumare molta frutta e verdura, per la frutta in particolar modo quella “rossa” ricca di sostanze capillaroprotettrici (frutti rossi, peperoni ecc...) consumare pochi grassi, più legumi e un giusto apporto di cereali che, per la loro ricchezza in fibre, combattono il gonfiore aiutando il transito intestinale.

È inoltre importante consumare alcolici in maniera moderata e non eccedere nell’utilizzo del sale causa del ristagno venoso e dell’aumento di pressione che peggiora i sintomi dell’insufficienza venosa. 

4. AVERE UN GIUSTO ABBIGLIAMENTO 

La circolazione può essere ostacolata anche da vestiti e calzature molto attillati. Un aiuto può essere l’utilizzo di calze elastiche grazie all’elastocompressione. La compressione esterna sulla gamba contrasta l’aumento della pressione all’interno delle vene e accelera il flusso del sangue nei vasi oltre a restringere le vene dilatate permettendo quindi il ripristino della normale circolazione sanguigna. 

5. LIMITARE L’UTILIZZO DEI TACCHI ALTI 

È importante mantenere la curvatura naturale del piede, evitando di camminare con tacchi eccessivamente alti che possono creare problemi sul ritorno venoso, prediligendo invece tacchi comodi e di pochi centimetri. Evitare possibilmente di camminare anche scalzi.

6. RIPOSARE SOLLEVANDO LE GAMBE 

Bisognerebbe riposare inclinando il letto oppure sollevando il materasso di 15/20 centimetri. Posizionando un cuscino sotto il materasso si può con facilità ottenere la giusta pendenza in modo che i piedi siano più alti rispetto al cuore, sollevare le gambe facilita la risalita del sangue al cuore ed evita la stasi circolatoria.

7. PRATICARE DEI MASSAGGI: 

 

Nel caso di pesantezza delle gambe o gonfiore, praticare massaggi può aiutare ad alleviare il fastidio riattivando la circolazione, importante quando non abbiano un’azione eccessivamente riscaldante. Utile è associarli magari ad un getto d’acqua tiepida. 

 

8. FARE DOCCE FRESCHE

 

Lavarsi con acqua corrente tiepida consente un’azione tonificante sulla circolazione, lavarsi invece con acqua calda può causare vasodilatazione che affatica le pareti delle vene. 

 

9. RIMANERE IDRATATI

 

È fondamentale durante la giornata bere molto liquidi, anche lontano dai pasti, per “diluire” il sangue e facilitarne la “risalita” dalle gambe verso il cuore.

 

 

10. RICORRERE AI FARMACI DI AUTOMEDUCAZIONI

Per trovare sollievo quando le gambe si gonfiano e combattere i capillari fragili è a volte utile usare farmaci di automedicazione. In gel o creme applicati nelle zone interessate possono dare sollievo, a volte anche assunti in compresse o polvere offrono all’organismo sostanze capillaroprotettrici – a base di diosmina, anche in associazione oppure a base di flavonoidi (oxerutina, troxerutina, mirtillina) o di composti tripterpenici (escina, ippocastano, centella) – che aiutano a diminuire il gonfiore agendo sulla circolazione ed in maniera particolare sui capillari venosi, proteggendoli e rendendoli più elastici. Si assumono leggendo sempre il foglietto illustrativo, previa consultazione medica ed in particolar modo se in stato di gravidanza. 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

LA PRIMA LEZIONE CON IL PERSONAL TRAINER

April 24, 2019

1/10
Please reload

Post recenti
Please reload

Archivio